loader image

Orgoglioso di essere Italiano

Dal cuore dell’Europa, nasce LIRAX, un progetto 100% Italiano, che grazie alla Blockchain riporta in primo piano l’ingegno e la passione di un Popolo.

Identità, Certificazione e Tracciabilità al servizio dei cittadini.

ITALIANO

Una parola che racchiude un mondo !

Oggi essere italiano può sembrare complicato, ma alla fine siamo questo, persone semplici e complicate, uniche ed eccezionali.

Mi permetto di chiedere ad ognuno di voi, di dedicare qualche minuto a quello che leggerete ora, pensando alla bellezza che vi circonda, a quello che abbiamo creato e diffuso nei secoli ed a quello che ogni giorno tutti noi realizziamo.

Pensate agli artisti, ai ricercatori che in tutto il mondo fanno scoperte incredibili con la loro determinazione e pazienza. Provate a contare quante ricette regionali conoscete o quanti tipi di pane o focacce potreste mettere sulla tavola, per non parlare del nostro stile di vita unico e meraviglioso.

Sono orgoglioso di essere Italiano! Tutti voi dovreste esserlo.

Il nostro popolo ha origini millenarie e la nostra storia ha segnato l’evoluzione dell’intera umanità…  l’Italia è uno dei luoghi più belli del mondo sotto il profilo della paesaggio, dell’arte e delle tradizioni… ed ancora l’Italia è uno dei luoghi più ricchi, con la più grande cultura e con il migliore stile di vita del mondo.


I motivi che mi rendono orgoglioso sono tanti, troppi, e qui ve ne citero’ solo alcuni…
Alessandro Civati - Fondatore Progetto Lirax

LA SEMPLICITÀ. Dicono che gli italiani si lamentano sempre. Forse è vero, ma al tempo stesso ci basta poco per goderci le cose e trovare la bellezza nei piccoli gesti. Sarà che ci basta mangiare bene con un buon panorama davanti – e risultano entrambe abbastanza facili da trovare;
LE MONTAGNE. Le Alpi attirano sciatori da tutto il mondo e ci affascinano con i loro paesaggi e le loro altezze;
IL MARE. Abbiamo il mare dentro. Da guardare dalla costa o dalle nostre isole: che siano le sorelle più grandi, la Sicilia e la Sardegna, o le più piccole come l’Elba, Ponza e le Eolie; terra d’origine sempre nel cuore o rifugio per guardare da lontano il Continente;
BOTTEGHE E MESTIERI. L’Italia è ricca di mestieri tramandati di padre in figlio, che ora cercano eredi. A Torre del Greco, ad esempio, c’è l’antichissima tradizione dell’incisione su conchiglia, da cui nascono i cammei che vanno a impreziosire collane, bracciali ed orecchini. A Cremona c’è una prestigiosa scuola di liuteria che attira apprendisti italiani e stranieri che vogliono imparare a realizzare violini unici…;
L’ARCHEOLOGIA. Non si può scavare un buco in una strada che saltano fuori resti romani, segno di una gloria che cerca di riemergere da ogni dove;
L’ARCHITETTURA. Da Leon Battista Alberti, a Bramante fino a Renzo Piano: l’Italia (ed il mondo) sono ricche delle opere di visionari che sanno conciliare uomo e paesaggio;
I GIARDINI. Siepi potate in modo da sembrare sculture, specchi d’acqua e architetture vegetali: uno stile geometrico e armonioso nato durante il tardo-rinascimento che continua a incantarci. E che ha conquistato tutto il mondo;
I DIALETTI. Sono l’espressione dell’anima di un territorio, i dialetti sono un patrimonio di modi di dire e termini che racchiudono un mondo… In Italia abbiamo migliaia di mondi unici e meravigliosi;
LO SPETTACOLO. Le Biennali o il festival di Venezia, di Spoleto, di Taormina, di Roma, di Mantova: fra applausi e critiche gli eventi culturali italiani continuano ad affascinare partecipanti e pubblico, con anche la complicità dei nostri unici scenari;
I COSTUMI. Il grande cinema veste italiano. Milena Canonero è stata premiata con quattro statuette per «Barry Lindon», «Momenti di gloria», «Maria Antonietta», «Gran Budapest Hotel». Gabriella Pescucci ha vinto il premio oscar con «L’età dell’innocenza» di Scorsese…;
IL TEATRO. Dalla grande opera, ai drammaturghi, alle sperimentazioni contemporanee: una tradizione che continua ad affascinare il pubblico regalando esperienze inimitabili;
IL CINEMA. Storie bellissime di oggi e di ieri. Sceneggiatori, registi, attori, direttori della fotografia catturano lo sguardo e l’anima dei personaggi;
IL CAFFÈ. Ce ne ricordiamo quando siamo lontani da casa: Sappiamo farci voler bene e siamo accoglienti, al punto da offrire un espresso a un perfetto sconosciuto;
LA MODA. Ammirata, sognata, odiata, snobbata, sopra o sottovalutata: qualunque sia la vostra opinione, la moda racconta i nostri tempi e l’Italia non teme paragoni;
LE CERAMICHE. È un’arte considerata ingiustamente minore, ma che ha affascinato artisti, stilisti e grandi committenti. Nessuno ha una scelta così vasta come il nostro paese;
I CANTAUTORI. DeAndré, DeGregori, Tenco, Dalla, Lauzi, Branduardi, Paoli: poesia in musica;
MOTORI. Dalle moto alle macchine, dai designer ai piloti;
IL DESIGN. La lampada che illumina la vostra scrivania, la sedia dove siete seduti, i bicchieri in cui bevete: tutto è design e, con molta probabilità, le cose più belle che avete sono state disegnate da un italiano;
IL DUOMO. Ogni città ne ha uno, e sono uno più bello dell’altro. Il termine deriva dal latino domus, “casa”;
IL GELATO. Così buono da essere esportato in tutto il mondo. E non chiamatelo ice-cream !!!
LA PASTA. Anche quando non sappiamo cucinare, siamo in grado di preparare un piatto di pasta capace di far sentire chiunque l’ospite d’onore. E poi, davvero: come si mangia in Italia non si mangia in nessun altro posto al mondo.
LA PIZZA. Nessun commento;
LO SPORT. Calcio, nuoto, tuffi, scherma, ciclismo, ginnastica artistica: saremo anche una piccola penisola, ma abbiamo atleti capaci di competere e vincere con i grandi della terra;
MARCELLO MASTROIANNI. Da sempre ineguagliabile;
ELENA FERRANTE. Questa autrice di cui nessuno conosce l’identità ha conquistato il pubblico internazionale, arrivando addirittura fra i finalisti del Man Booker International Prize, un premio britannico che seleziona i migliori libri tradotti in inglese;
GIORGIO MORODER. Ha vinto tre oscar, collaborato con Donna Summer, Bowie, Brian Eno, fatto ballare il pubblico dagli anni Sessanta a oggi e creato colonne sonore di film come «Fuga di mezzanotte», «American gigolò», «Flashdance», «Scarface», «La storia infinita»;
ENNIO MORRICONE. Premiato all’ultima cerimonia degli Academy Awards dove ha ricevuto il suo secondo Oscar ha detto che «non c’è musica importante senza un grande film che la ispiri». I migliori sono sempre i più umili;
ITALO CALVINO. «Il visconte dimezzato», «Il barone rampante», «Le città invisibili», «Le cosmicomiche»… libri bellissimi che parlano a tutte le età e che sono tradotti in tutto il mondo;
… e poi siamo IRONICI. Siamo critici verso noi stessi, e sappiamo sdrammatizzarci e non prenderci mai troppo sul serio.

Ed ancora sono orgoglioso di essere Italiano per quello che ci hanno lasciato i nostri nonni e le persone che hanno combattuto per la nostra libertà. La nostra Costituzione è unica e racchiude in se l’anima del nostro Paese.

Viva l’Italia!

Chiudi il menu